giovedì 19 novembre 2015

GATEAU DI PATATE O "GATTO'" - RIVISITAZIONE DELLA RICETTA DI ANTONINO CANNAVACCIUOLO

Sul libro "In cucina comando io" di Antonino Cannavacciuolo ho trovato questa deliziosa ricetta, in famiglia sono tutti contenti quando la preparo. Come lui stesso dice si possono utilizzare molte variazioni come ripieno. Io in base a quello che ho in frigo mi sbizzarrisco. Ultimamente la ho riempita con dei cipollotti freschi di Tropea stufati in padella con olio e.v.o., salvia, sale e pepe nero, caciocavallo, parmigiano grattugiato e ricotta affumicata grattugiata. La ricetta originale prevede un ripieno di salame Napoli, 2 fette grosse di prosciutto cotto tagliato a cubetti, scamorza affumicata, mozzarella di bufala, parmigiano, timo fresco e pepe nero. 

Ingredienti per 4 persone:
1.200 Kg di patate rosse o a pasta gialla
4/5 cipollotti freschi di Tropea
un ciuffo di salvia fresca
olio e.v.o. q.b.
ricotta affumicata stagionata
parmigiano grattugiato q.b.
200 g di caciocavallo silano 
pangrattato q.b.
burro q.b.
sale q.b.
pepe nero q.b.
noce moscata q.b.
3/4 uova


Bollire le patate con la buccia, sbucciarle e schiacciarle con il passapatate in una ciotola quando sono ancora calde (lo chef preferisce schiacciarle con la forchetta). Farle intiepidire. Nel frattempo stufare a fuoco lento in una padella antiaderente con il coperchio i cipollotti tagliati a fettine con un filo di olio e.v.o., sale, pepe nero macinato al momento ed un ciuffetto di salvia tritata. Appena sono cotti aggiungerli alle patate. Quando le patate sono tiepide aggiungere i rossi d'uovo, la ricotta affumicata stagionata grattugiata, il parmigiano grattugiato, il sale, la noce moscata grattugiata, il caciocavallo tritato o tagliato a cubetti e se necessario un pochino di olio e.v.o. Amalgamare bene il tutto. Montare a neve le chiare d'uovo ed aggiungerle al composto mescolando dal basso verso l'alto facendo attenzione a non farle smontare (lo chef usa le uova intere senza montare i bianchi a neve). Imburrare una teglia e cospargerla di pangrattato ed un pochino di parmigiano. Versarvi il composto a cucchiaiate, livellarlo bene con un leccapentole bagnato e cospargere di parmigiano, pangrattato e qualche fiocchettino di burro. Infornare a 180° per 30/40 minuti, fino a quando è ben colorito. Lasciare intiepidire e sformare con attenzione. 


11 commenti:

  1. Mi piace lo chef Cannavacciuolo perché con pochi ingredienti riesce a fare piatti molto sfiziosi. Anche il tuo gattò è molto sfizioso! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, un grandioso saluto
      M.G.

      Elimina
  2. Non ho mai fatto il gattò di patate, un piatto molto ricco e gustoso, la tua rivisitazione mi piace molto e sicuramente mi da lo spunto per provare.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Laura, che piacere ritrovarti, vedrai che questo piatto ti darà soddisfazione, baci, baci
      M.G.

      Elimina
  3. Ricetta golosa Maria Grazia! A me e alla mia famiglia piace tantissimo il gattò di patate e lo faccio spesso!
    Questa versione rivisitata del gattò dell chef è interessante!!!
    Un bacio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola sei un tesoro, un saluto affettuoso
      M.G.

      Elimina
  4. auguri di buon anno cara, ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeeeeeeeeeeeee, che gentile, Buon Anno anche a te, un grandioso abbraccio
      M.G.

      Elimina
  5. Per me Cannavacciulo é forse l'unico vero interprete dell'alta cucina Partenopea rivisitata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente, inoltre tutte le sue ricette danno piena soddisfazione a chi tenta di replicarle. Grazie per la visita ed il gradito commento, saluti
      M.G.

      Elimina
  6. Per me Cannavacciulo é forse l'unico vero interprete dell'alta cucina Partenopea rivisitata.

    RispondiElimina