sabato 30 giugno 2012

PESTO DI PISTACCHI



Qualche giorno fa, mentre cercavo dei pinoli per fare il pesto tradizionale, ho trovato anche degli splendidi pistacchi. Da tempo desideravo provare il pesto con i pistacchi! Li ho acquistati subito! Arrivata a casa, ho fatto una breve ricerca in internet per trovare qualche indicazione! Volevo sapere se dovevo lavorare i pistacchi in qualche modo. Ho visto che occorreva spellarli.
Dopo aver preso spunto ho fatto il mio pesto utilizzando le quantità ed i prodotti che avevo a casa. 

Questa è una ricetta semplicissima, molto veloce, dona tanta soddisfazione, si può offrire in qualunque occasione, dalla pasta di mezzanotte, al buffè in terrazzo o in giardino, come piatto leggero e ricco di vitamine, per un invito a pranzo last minute, per una ricorrenza speciale ecc. ecc. ecc. 
 Per un buffet in casa, in terrazzo o in giardino, si può offrire in accessori fingher food

in questo caso ho utilizzato 10 Bicchieri/Coppa Mini Bowl.
Per rendere questo piatto ancora più leggero si può usare la pasta integrale. Questa volta ho cucinato le Tagliatelle integrali bio BenedettoCavalieri.
Il risultato è strepitoso, buona, buona, buona!

Quando preparo il pesto ne faccio in quantità, lo conservo in frigorifero, in un vasetto di vetro, coperto con un filo di olio per non far ossidare la parte superiore, pronto per l'uso.  Si può anche congelare per assaporare in inverno i profumi ed i sapori estivi.



Pesto di pistacchi
Ingredienti:
Un mazzo di basilico
2 spicchi di aglio
un pacchettino di pistacchi sgusciati (circa 60/70 g)
olio e.v.o. di ottima qualità q.b.
un pizzico di sale
parmigiano grattugiato (circa 4 cucchiaiate)
pecorino grattugiato                  "

Mettere un pentolino con un pochino di acqua sul fuoco e portarla a bollore, versarvi i pinistacchi e lasciarli bollire per circa un minuto. Scolarli e spellarli (sarà facilissimo). Inserire in un contenitore per il frullatore ad immersione o nel frullatore tutti gli ingredienti tranne l'olio ed una parte di pistacchi che si devono conservare per la guarnizione finale. 

Iniziare a frullare aggiungendo, poco a poco, l'olio necessario per raggiungere una consistenza cremosa ma non molto liquida.



Conservare in frigorifero o congelare.

Per condire la pasta, prelevare qualche cucchiaiata di pesto e versarla in una coppa, aggiungere un pochino di acqua di cottura della pasta, poco alla volta, e girare con il cucchiaio per diluire il pesto e formare una deliziosa e profumatissima cremina. Appena la pasta è cotta al dente, scolarla conservando un pochino di acqua di cottura, può essere necessaria per amalgamare bene il tutto. Versare la pasta nella coppa con il pesto e mischiare molto bene, aggiungere, se necessario, un pochino di acqua di cottura della pasta.   Impiattare e spolverare con un pochino di granella di pistacchi, guarnire con qualche pistacchio intero.
Buon appetito

I Forumisti del Gambero Rosso, esperti nel giusto abbinamento cibo/vino, che ringrazio infinitamente per i loro preziosissimi interventi, consigliano:

" ......... L'abbinamento per tradizione che mi viene in mente è con un buon grillo, oppure appunto con un rosato, anche siciliano, se non troppo pesante. Per quanto riguarda un altro bianco siciliano, cioè l'inzolia (o insolia), io non la utilizzerei, perchè secondo me andrebbe ad aumentare la carica leggermente dolciastra che il pistacchio ha già di suo......"
 Green day

" ....  Sinceramente io come vino assocerei assolutamente un vino elegante, morbido e caldo come un Pinot Bianco del Friuli.
Valide alternative, in base anche ai gusti, ti consiglio un Cerasuolo di Vittoria o un Teroldego......"
Piccola81

".... Per l'abbinamento quoto green day, starei sul territoriale e andrei su un bianco. Lui suggerisce un grillo; quello di Barraco, ad esempio, è da un po' che non lo bevo però mi sembra che fosse niente male....."
Paperofranco

".....Quoto il Grillo ! E' un piatto che mangio spesso in prov di Trapani e ho..sperimento parecchi abbinamenti (ultimo il Guardiola di Passopisciaro..buono ,ma un un po' troppo opulento per il piatto).Se trovi..Grillo Parlante di Fondo Antico,ancora meglio,per me . Buono anche sugli spaghi con i ricci ,dove personalmente preferisco un rosato lieve e nn eccessivamente sapido,tipo quello di Nicola Ferri."
Spectator

" Mi sovvengo solo ora; Kuddia del gallo di Abraxas, da uve zibibbo vinificate a secco e viogner. Un vino inusuale che ho ri-bevuto ieri sera e che mi ha fatto venire voglia proprio di pesto di pistacchi. Così, di istinto..."
Gianni Femminella

Grazie, ciao
M.G.



16 commenti:

  1. Buono questo pesto, un'alternativa ottima al classico pesto.Carine le idee buffet. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna, grazie per la gradita visita, baci
      M.G.

      Elimina
  2. amo molto il pesto di pistacchio lo trovo delicatissimo :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la gradita visita e per il delizioso commento, ciao
      M.G.

      Elimina
  3. Veramente interessante questo pesto...non l'ho mai mangiato. Pero' adoro i pistacchi quindi sono sicura che e' veramente buono!! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nicoletta, vedrai che ti donerà molta soddisfazione, baci
      M.G.

      Elimina
  4. Quanto mi piacerebbe provarlo! Trovare i pistacchi e' un impresa! Buonissimo10 e lode! Ciao cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Vicky, grazie per la graditissima visita e per il voto massimo ricevuto, non ho mai avuto un 10 e lode. Baci, baci
      M.G.

      Elimina
  5. Ciao M.G. dopo tanto vengo a trovarti, giusto bene oggi mi metto a fare il pesto , ho giusto il basilico al momento giusto.
    Vieni a trovarmi anche tu qualche volta
    Un abbraccio e un caro saluto da Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, grazie per la gradita visita, per me è sempre un piacere venirti a trovare, baci, baci
      M.G.

      Elimina
  6. E mannaggia averlo visto prima questo pesto meraviglioso di pistacchi!! Sabato scorso il fruttivendolo di fiducia mi ha regalato un mazzo di basilico che pareva un bouquet: bellissimo, straprofumato e soprattutto...tanto! Solo che...ovviamente mi dispiaceva lasciarlo lì a vederlo smosciarsi per il caldo, così ho staccato le foglie una a una, le ho lavate, messe ad asciugare e ne ho ricavato 5 barattolini di ottimo pesto classico. Ma avessi letto prima di questo ai pistacchi lo avrei fatto subito!! L'ho mangiato in sicilia un paio di anni fa e mi era piaciuto tantissimo, tanto da averne voluto compare un barattolino che però non era la stessa cosa.
    Ora mi segno la tua ricetta e lo faccio al più presto!
    Tanti baci, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mia cara, grazie per la graditissima visita, il tuo pesto sarà stato sicuramente meraviglioso, anche io ho notato che i pesti acquistati hanno un sapore diverso. Un saluto affettuoso
      M.G.

      Elimina
  7. Ma sono l'unica che non ha mai fatto il pesto?? Potrei rispondermi da sola...
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mimi, prova, vedrai che ti darà molta soddisfazione, un saluto affettuoso
      M.G.

      Elimina
  8. Ti ringrazio di essere passata da me e di aver raccontato un momento dei tuoi ricordi.
    adoro il pesto di pistacchi, me lo ha portato mio padre due mesi fa dalla Calabria...già fatto!!!

    un'abbraccio e complimenti per il tuo blog dove si respira la Calabria!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia, vengo a trovarti sul tuo blog con molto piacere, è bellissimo, baci, baci
      M.G.

      Elimina